CONVEGNI E CONFERENZE

DANTE NELLA POESIA DEL NOVECENTO E DEI PRIMI ANNI DEL NUOVO MILLENNIO

Il Convegno si propone di indagare i molti riusi poetici novecenteschi e dell’inizio del nuovo millennio della Commedia, soffermandosi su quegli autori che sono stati anche esegeti e hanno ribadito, attraverso questa doppia modalità di lettura, che il capolavoro dantesco si pone come un paradigma irrinunciabile per la comprensione della complessa tragicità del Novecento.

Gli atti confluiranno in un numero monografico della «Rivista di Letteratura italiana», classe A.

Cosa: Convegno internazionale di studi.

Dove: Auditorium Vivaldi – Biblioteca Nazionale Universitaria.

Quando: 21-25 settembre 2021.

Comitato scientifico: Giorgio Baroni (Università Cattolica di Milano – Presidente del Comitato scientifico), Donato Pirovano e Clara Allasia (Università di Torino; anche curatori del volume e comitato organizzativo del convegno), Epifanio Ajello (Università di Salerno), Teodolinda Barolini (Columbia University, NY), Alberto Casadei (Università di Pisa), Marcello Ciccuto (Università di Pisa e Presidente della Società Dantesca Italiana), Daniela Fargione (Università di Torino), Paolo Giovannetti (IULM Milano), Vicente Gonzales Martin (Universidad de Salamanca), Laura Nay (Università di Torino), Lino Pertile (emerito Harvard University), Silvio Ramat (emerito Università di Padova), Roberto Rea (Università di Roma Tor Vergata), Antonio Saccone (Università di Napoli “Federico II”), Francesca Southendern (University of Oxford – Sommerville College).

DANTE PER LA DIDATTICA UNIVERSITARIA

Il Convegno si propone di indagare metodi, contenuti e strategie didattiche per la proposta dell’opera dantesca agli studenti dei corsi di laurea di ambito umanistico nell’Università della complessità e delle competenze chiave per l’apprendimento permanente (indicate dalla Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006). In particolare urge riflettere sugli aspetti legati alla formazione dei futuri insegnanti. Scopo del progetto è sviluppare una riflessione sulla presenza e sul rilievo di Dante nell’insegnamento universitario delle discipline umanistiche sotto un molteplice punto di vista: la storia e la tradizione della didattica, la situazione attuale, le prospettive future. Il convegno interdisciplinare coinvolgerà specialisti provenienti non solo dalla letteratura italiana, ma anche da altre discipline tradizionalmente interessate agli studi danteschi (filologia italiana e filologia romanza, storia, storia dell’arte, storia della lingua, filosofia).

L’iniziativa rientra in un programma promosso e portato avanti dall’Associazione degli Italianisti-ADI (in particolare dalla sezione didattica ADI-sd) e chiuderà un ciclo di convegni sulla didattica dantesca nella scuola, dopo quello di Siena del marzo 2017 e quello a Ravenna nell’aprile 2020.

Cosa: Convegno internazionale di studi.

Dove: Università di Torino e la Venaria Reale.

Quando: aprile 2021.

Comitato scientifico: Erminia Ardissino (Università di Torino), Giovanni Barberi Squarotti (Università di Torino), Valter Boggione (Università di Torino), Andrea Merlotti (Centro Studi delle Residenze Reali Sabaude), Giuseppe Noto (Università di Torino).

MIRABILI VISIONI.
DANTE TRA CINEMA E MEDIA

Il Convegno, che sarà realizzato in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema, il Centro di Produzione Rai Piemonte e altre università italiane e internazionali, si propone di esplorare l’influenza di Dante, della sua biografia e della sua produzione letteraria nell’ambito dei media audiovisivi (radio, televisione, videogame, web ecc.), dalle origini del cinema ai più recenti sviluppi delle culture digitali. Le sessioni saranno suddivise in una serie di panel secondo l’articolazione in topic prevista dal call for paper e costituiranno un’inedita occasione di incontro internazionale tra film/media studies e studi danteschi. Si prevede quindi la partecipazione non solo di studiosi di cinema e media ma anche di studiosi di italianistica, comparatistica e cultura visuale. A integrazione dei lavori del convegno si aggiungerà anche una tavola rotonda dal titolo Restaurare Dante, con la presenza di archivisti e conservatori di Cineteche impegnate nel restauro di film di argomento dantesco. Preliminarmente si propone di progettare un Archivio web streaming ad accesso riservato che consenta a tutti i relatori coinvolti di visionare con congruo anticipo i film e le produzioni audiovisive al centro del convegno.

Al convegno è abbinata la rassegna cinematografica Mirabili visioni.

Cosa: Convegno internazionale di studi.

Dove: Università di Torino, Aula Magna Cavallerizza.

Quando: Tarda primavera 2021 o autunno 2021.

Responsabili scientifici: Giulia Carluccio (Università di Torino) e Silvio Alovisio (Università di Torino).

TRA DE MONARCHIA E COMMEDIA:
FILOSOFIA E POESIA DELLA GIUSTIZIA

La Commedia appare come un grande tribunale della storia, in cui il giudizio sull’azione dei personaggi è ridiscusso e drammatizzato; inoltre il De Monarchia, il Convivio e le Epistole politiche testimoniano un’evidente immersione di Dante nelle dinamiche istituzionali coeve che si abbeverano alle fonti della scienza giuridica.

Il legame fra legge, diritto e giustizia è particolarmente stretto ed evidente nell’opera dantesca, in quanto fondato sull’interazione delle due scientiae che lo hanno a oggetto nel periodo in cui egli opera: la teologia e la scientia iuris. Dante infatti vive alla fine del secolo di massimo splendore degli studi giuridici medievali, che avevano ritrovato nuovo impulso nelle città italiane a partire dall’XI secolo.

Egli ne ridefinisce la funzione su basi filosofiche e teologiche che mirano all’ideazione di una società ben guidata, fondata sulla giustizia, che prelude alla perfetta communitas celeste e a essa conduce. La critica dantesca non ha mancato di considerare il problema, ma vi è ampio margine per ulteriori ricerche.

In occasione del Centenario del 2021, si intende riconsiderare il trattato politico, secondo due filoni di ricerca strettamente connessi tra loro. Da un lato, l’individuazione e l’approfondimento di alcuni ambiti del sapere giuridico e delle istituzioni all’interno dell’opera di Dante, dall’altro lo studio delle fonti filosofiche e religiose delle teorie che Dante presenta nel trattato.

Al contempo si vuole vedere come questi presupposti trovano voce poetica nella Commedia, domandandosi anche se abbiano lasciato una qualche eredità nell’identità italiana.

Cosa: Convegno internazionale di studi.

Dove: Università di Torino, Aula Magna del Rettorato.

Quando: 1-2 ottobre 2020.

Responsabile scientifico: Erminia Ardissino (Università di Torino).

DANTE, LA FILOSOFIA E L’AVERROISMO

La giornata di studi si svolgerà secondo il seguente programma:

ore 10.30 Saluti istituzionali. Intervengono Donato Pirovano (Direttore del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Torino) e Onorato Grassi (Presidente della Società Italiana per lo Studio del Pensiero Medievale e professore ordinario presso la LUMSA di Roma)

ore 10.45 Pasquale Porro (Università di Torino)

ore 11.30 Matteo Di Giovanni (Università di Torino)

ore 14.15 Luca Bianchi (Università di Milano)

ore 15.00 Emanuele Riu (Università di Genova)

ore 15.45 Andrea Tabarroni (Università di Udine)

Cosa: Giornata di studi.

Dove: Università di Torino.

Quando: maggio 2021.

Referenti del progetto: Pasquale Porro (Università di Torino) e Gruppo Per correr miglior acque (Università di Torino).

LA MUSICA AL TEMPO DI DANTE

Il convegno è dedicato alla musica al tempo di Dante, con la presentazione dell’edizione in fac-simile di un codice di particolare pregio, conservato presso la Biblioteca Reale di Torino (VARIA 42). All’iniziativa sarà abbinato un concerto di musica sinfonica ispirata dalla Commedia, in collaborazione con la Filarmonica del Teatro Regio. La proposta sarà sottoposta al nuovo Sovrintendente del teatro, Sebastian Schwarz, in occasione di un colloquio la cui convocazione il Presidente del Comitato richiederà a breve. I costi comportati dall’iniziativa saranno quantificati in base all’esito del colloquio.

Cosa: Convegno internazionale di studi.

Dove: Torino.

Responsabile scientifico: Alberto Rizzuti (Università di Torino),

DANTE, IL TEMPO E LO SPAZIO

Convegno scientifico (tre sessioni, un giorno e mezzo; 12 relazioni circa + discussione) dedicato al rapporto fra Dante, il tempo e lo spazio da realizzarsi in collaborazione con Politecnico, INRiM e Osservatorio astrofisico di Torino. Il Convegno si propone di far interagire ambiti di studio differenti, valorizzando alcune eccellenze assolute presenti sul territorio (Unito, Politecnico, Inrim, InfiniTo), in modo da mettere in proficuo collegamento mondo delle cosiddette scienze dure e mondo delle humanities, continuando una tradizione che ormai da diversi anni caratterizza l’attività del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Torino.

Cosa: Convegno internazionale di studi.

Dove: Università di Torino.

Responsabili scientifici: Giuseppe Noto (Università di Torino), Nicolao Formengo (Università di Torino).